mail unicampaniaunicampania webcerca

    Ornella ZERLENGA

    Insegnamento di TECNICHE AVANZATE DELLA RAPPRESENTAZIONE

    Corso di laurea magistrale in DESIGN PER L'INNOVAZIONE

    SSD: ICAR/17

    CFU: 8,00

    ORE PER UNITÀ DIDATTICA: 64,00

    Periodo di Erogazione: Secondo Quadrimestre

    Italiano

    Lingua di insegnamento

    ITALIANO

    Contenuti

    L’apprendimento delle tecniche avanzate muoverà dal rilievo e analisi di un semplice oggetto d’uso. La rivisitazione dei criteri descrittivi :
    - guiderà la modellazione 3D del caso-studio con l’ausilio di softwareinformatici;
    - orienterà la contestualizzare dell’oggetto all’interno di uno spazio immersivo ricostruito mediante tecniche image-based.

    Testi di riferimento

    Testi di carattere generale.
    - AAVV.Studio Azzurro. Film e video, Milano Silvana Editoriale, 2016.
    - Docci M., Maestri D., Gaiani M., Scienza del disegno, CittàStudi, Milano 2011
    - Lévy, P., Il virtuale, Milano Raffaello Cortina Editore, 1997.
    - Mitchell W. J., McCullough M., Digital Design Media, Van NostrandReinhold, New York 1995, trad. it. McGraw-Hill, Milano 1996.
    - Mitchell W. J., The Reconfigured Eye, The MIT Press, Cambridge Mass.
    1992.
    - Ratti, C., Architettura Open Source, Einaudi, Torino 2014Guide al lavoro d’anno:
    - Rossi, Adriana. Disegno design natura morta e vita metafisica. Roma
    Officina Edizioni. Ristampa;
    - Rossi, A. Guida al corso di Tecniche avanzate di Rappresentazione.Esempi e applicazioni. Parti del dattiloscritto in stampa . Torr del Greco:
    ESA;
    - Fanchini, Roberto; Rhinoceros. Guida all’uso, FAG, Milano, 2009.
    Materiale audiovisivo di supporto in:
    http://www.ingegneria.unicampania.it/dipartimento/docenti/214-rossiadriana https://www.rhino3d.com/it/tutorials.
    Specifici aggiornati bibliografici saranno forniti in funzione delle applicazioni concordate e di gruppi di discenti stranieri (es. Erasmus) o provenienti da altri corsi che inseriranno a “scelta” questo insegnamento

    Obiettivi formativi

    Al termine del percorso formativo lo studente dovrà:
    saper analizzare la forma di un prodotto d’uso;
    saper discretizzare e dimensionare la geometria delle parti che compone la sua struttura formale;
    saper modellare e visualizzare la forma 3d a partire dai fondamenti
    scientifici della rappresentazione;
    saper gestire, in virtù di una legge parametrica, le modifica dell’aspetto
    esteriore;
    saper rilevare con tecniche celeri (image based) contesti in cui inserire il prodotto modellato.

    Prerequisiti

    Conoscenze e abilità garantite nel settore con il rilascio del titolo di laurea triennale nelle classi del Disegno industriale.

    Metodologie didattiche

    Il corso è inteso come laboratorio. Agli studenti sarà richiesto fin dai primi incontri, di lavorare operativamente in aula. Il tema d’anno sarà un emblematico caso-studio, per trarre dalla esperienza operativa concetti teorici e metodologici. Conoscenze e abilità dovranno essere approfondite con studio e applicazioni individuali.le esercitaioni guidate sosterranno il raggiungimento degli obiettivi.

    Metodi di valutazione

    ll regolare monitoraggio dei lavori in corso degli studenti fornirà indicazioni su eventuali necessità di misure correttive e ulteriore supporto nella preparazione della discussione sul tema dell'anno.
    Tre prove intercorso accerteranno il raggiungimento degli obiettivi minimi.
    Ogni prova consiste:
    a) consegna degli elaborati concordati;
    b) presentazione al PC in cui ogni studente mostrerà il metodo che ha seguito per raggiungere gli obiettivi prefissati;
    c) agli studenti verranno poste due domande a cui rispondere per viaorale.
    Si attribuirà un voto in trentesimi il cui peso sarà pari a 1/4 della valutazione finale totale.
    Durante il colloquio finale (esame) ciascun studente sarà invitato a presentare il lavoro d’anno attraverso il quale esporre la propria esperinza formativa in relazione ai contenuti e trattati e agli obiettivi premessi.

    Programma del corso

    Le lezioni hanno lo scopo di offrire un'ampia panoramica delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie Gli argomenti includono:
    - introduzione alla disciplina;
    - presentazione degli esiti di corsi precedenti. Proposta dei i casi studio;
    - rilettura dei criteri mongiani per descrivere le forme articolate;
    - il rilievo come presupposto causativo al progetto;
    - panoramica generale sui softwares utilizzati CAD 2D e modellatori solidi
    3D;
    -Importazione di entità CAD 2D in ambienti di modellazione per superfici Modellazione base pratica con Autodesk di un’entità minime volumetriche;
    -elementi di modellazione avanzata tramite software nurbs (Rhinoceros 3D);
    - Esercizio di modellazione di un prodotto a partire da immagini
    fotografiche importatee alla luce del rilievo dimeensional;
    -elaborazione di grafici tecnici e Elementi di esportazione di files;
    -Riflessioni -in fase laboratoriale- sugli strumenti utilizzati, in modo da permettere ai discenti di ragionare sullo strumento più adatto all’obiettivo di rappresentazione richiesto;
    la rappresentazione come governo della modificazione;ù
    Programma esteso - le tecniche range-based e image-based;
    - ingegneria inversa e rappresentazione del prodotto;- sistemi e prodotti immersivi a 360°;

    English

    Teaching language

    Italian

    Contents

    Starting from a re-visitation of Monge’s criteria didactic interventions will be aimed at:
    - modeling artifacts and environments using software;
    - introducing the survey using image based techniques.

    Textbook

    General texts.
    - AAVV, Studio Azzurro. Film e video, Milano Silvana Editoriale, 2016.
    - Docci M., Maestri D., Gaiani M., Scienza del disegno, CittàStudi, Milano 2011
    - Lévy, P., Il virtuale, Milano Raffaello Cortina Editore, 1997.
    - Mitchell W. J., McCullough M., Digital Design Media, Van NostrandReinhold, New York 1995, trad. it. McGraw-Hill, Milano 1996.
    - Mitchell W. J., The ReconfiguredEye, The MIT Press, Cambridge Mass.
    1992.
    - Ratti, C., Architettura Open Source, Einaudi, Torino 2014 - Rheingold, H., La realtà virtuale, Baskerville, Bologna 1993.
    Work Guides of the Year:
    - Rossi, A. Disegno design natura morta e vita metafisica. Roma: Officina
    Edizioni. Ristampa 2008
    - Rossi, A. Guida al corso di Tecniche avanzate di Rappresentazione.Esempi e applicazioni. Parti del dattiloscritto in stampa . Torre del Greco:
    ESA.
    - Fanchini, Roberto; Rhinoceros. Guida all’uso, FAG, Milano, 2009.
    Supportive audiovisual material in: http://www.ingegneria.unicampania.it/dipartimento/docenti/214-rossi-
    adriana https://www.rhino3d.com/it/tutorials.
    Specific materials will be provided and/or indicated according to the agreed upon applications (for example for Erasmus students or other students who choose the exam as elective as in the case of mechanical engineering).

    Training objectives

    At the end of the course students will be able to:
    - analyze the form of an object;
    - discretize and dimension the geometry of the parts which constitutetheir formal structure;
    - model and visualize a 3D shape starting from the scientificfundamentals of representation;
    - modify/ manipulate according to parametric laws the external shape;- survey, with the aid of rapid techniques, of contexts in which the modeled object can be inserted.

    Teaching methods

    Seminars held by Visiting professors and Visiting scientist have been planned and tutorials have been scheduled. All other required support will be offered on demand by the professor during office hours.

    Evaluation methods

    Regular monitoring of students’ work in progress will provide indication of any need for remedial measures and further support in the preparation of the discussion on the theme of the year.
    There will be 3 course tests to ascertain the achievement following objectives:
    Each test consists in:
    a) delivery of the agreed documents;
    b) A power point presentation: each student will present the method heor she has followed to meet the fixed minimum objectives.
    c) students will be asked two l questions to be answered orally. The student will be given a mark out of 30 which will be one third of the total final assessment.
    During the final examination students will have to demonstrate their knowledge and critical understanding of theories and methods and the ability to present their work coherently.

    Course Syllabus

    Lectures are aimed at offering a broad overview of the possibilities offered by new technologies Topics include:
    - Introduction to the subject
    - presentation of outcomes of previous courses. Proposal of case studies
    - re-visitation of Monge’s criteria to describe articulate forms
    - The survey as a necessary and causative requirement for design;
    - general overview of 2D cad and 3D solid modeling software;
    - importing of 2D CAD entities in surface modeling environments;
    - basic modeling of minimum volumetric entities using Autodesk;
    - fundamentals of advanced modeling using nurbs (Rhinoceros 3D);- product modeling from an imported photo besed on the dimensional survey;
    - production of technical drawings and the fundamentals of fileexportation;
    - analysis of the employed tools aimed at a pondered t choice of tool according to the object to be represented;
    - Range based and image based techniques for engineering processes;
    - Reverse engineering and product representatio;- 360° immersive systems and products
    guided practice on the theme of the year.

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype