mail unicampaniaunicampania webcerca

    Saverio CARILLO

    Insegnamento di ADEGUAMENTO FUNZIONALE DELLO SPAZIO COSTRUITO

    Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE

    SSD: ICAR/19

    CFU: 6,00

    ORE PER UNITÀ DIDATTICA: 48,00

    Periodo di Erogazione: Primo Quadrimestre

    Italiano

    Lingua di insegnamento

    ITALIANO

    Contenuti

    Gli aspetti del costruito storico e le loro valenze comunicative vengono proposte quali strumento per comprendere,attraverso la comunicazione, i contenuti di approccio, avvicinamento, comprensione e valorizzazione dei beni culturali. Altri aspetti più stringenti riguardano la possibilità di fruizione dei beni culturale e del patrimonio storico attraverso i metodi di avvicinamento perseguiti con gli strumenti della comunicazione. Ulteriore aspetto si configura per l’ampliamento della platea dei fruitori portatori di disabilità per i quali più particolare resta l’efficacia e la valenza perspicua dello strumento comunicativo.

    Testi di riferimento

    STEFANO DELLA TORRE, VALERIA PRACCHI, Le chiese come beni culturali. Suggerimenti per la conservazione, Mondadori Electa, Milano 2003
    MARC AUGE’, rovine e macerie. Il senso del tempo, Bollati Boringhieri, Torino 2004
    YVES MICHAUD, L’arte allo stato gassoso, Edizioni Idea, Roma 2007
    CLAUDIO VARAGNOLI (a cura di), Muri parlanti. Prospettive per l’analisi e la conservazione dell’edilizia storica, Alinea Editrice, Firenze 2009
    GIOVANNI CARBONARA, Architettura d’oggi e restauro. Un confronto antico-nuovo, UTET, Torino 2011
    SAVERIO CARILLO, DANILA JACAZZI, PASQUALE PETILLO (a cura di), Materia Cimitile. Memoria di Segno. Misura di storia, La Scuola di Pitagora, Napoli 2011
    MAURIZIO VITTA Il progetto della bellezza. Il design fra arte e tecnica dal 1851 a oggi, Einaudi, II ed. 2011
    MARIA CAROLINA CAMPONE, Architetture al soglio. Cemento, bronzo e modernità per lo spazio sacro del Novecento, La Scuola di Pitagora, Napoli 2012
    FRANCESCO TOMASELLI (a cura di), Restauro anno zero, Aracne Editrice, Roma 2013
    SAVERIO CARILLO, DANILA JACAZZI, Materia Cimitile. Didattica e Innovazione, La Scuola di Pitagora Editrice, Napoli 2014
    Ulteriori indicazioni verranno date durante lo svolgimento del Corso

    Obiettivi formativi

    Il lavoro del Corso intende fornire indirizzi di ricerca per lo sviluppo di percorsi di rifunzionalizzazione degli spazi costruiti. Collegato alla cultura della conservazione e valorizzazione del patrimonio e dell’heritage culturale di cui il nostro Paese è testimone, il percorso didattico vuole favorire una maggiore conoscenza di alcune esperienze progettuali connesse alla creazione degli spazi tipici dei territori. Intende anche promuovere lo sviluppo e il recupero di sapienze tecniche delle quali si percepisce la quasi totale scomparsa innestandone nel solco dei moderni linguaggi e delle moderne strumentazioni di studio e ricerca. Mira, inoltre a rendere consapevole lo studente delle potenzialità in atto circa l’allestimento di esperienze di valorizzazione e promozione dei beni culturali diffusi

    Prerequisiti

    Nessun particolare prerequisito necessita ai fini della esperienza didattica che si conduce, fermo restando la docilità dello studente alla interazione con le tematiche proposte dal corso attraverso anche la disponibilità a relazionarsi con gli strumenti di studio del disegno, delle tecniche di rilievo, dell’impiego della fotografia e di tutte le opportunità che il percorso didattico potrà suscitare.

    Metodologie didattiche

    Il Corso prevede una serie di lezioni frontali accompagnate da seminari ed esercitazioni sono anche previsti sopralluoghi e visite a Esposizioni/mostre

    REPORT
    Delle attività didattiche operative svolte in aula lo studente è tenuto a tenere memoria materiale nei supporti didattici messi a disposizione anche scaricando e stampando le esercitazioni previste nell’Atlante didattico del corso.
    Tale attività costituisce significativa esperienza ai fini della valutazione complessiva nonché documentazione sostanziale per il conferimento dei crediti somministrati dall’insegnamento.

    Metodi di valutazione

    E’ prevista la redazione di report, secondo uno schema di indicazione metodologica offerto agli studenti come promemoria, per valutare le conoscenze e le competenze maturate durante il lavoro didattico. Viene effettuata anche periodica attività di revisione degli elaborati da consegnare in sede di esame.

    Altre informazioni

    Costituiscono strumenti di valutazione l’assiduità di presenza e la partecipazione attiva ai lavori del corso.
    Gli studenti sono tenuti alla redazione di cinque report sulle attività svolte durante il corso: 2 report (con realizzazione di prototipi) sono comuni per tutti gli studenti gli altri tre sono a scelta.
    Similmente la partecipazione alle Esercitazioni settimanali afferenti ai casi studi trattati.
    I report redatti, dovendo essere consegnati in sede di esame finale, costituiscono anche modalità di autovalutazione da parte dello studente giacché documentano l’evoluzione e la maturazione conseguita durante l’intero percorso del corso.
    Discussione finale sui temi del Corso e sugli elaborati consegnati in formato cartaceo A4 e digitale su DVD.

    Programma del corso

    Introduzione al corso: la sfida della conservazione nella “contemporaneità liquida”
    Il problema della conservazione dello spazio costruito.
    Le componenti dello spazio costruito
    Il valore e il “messaggio” dello spazio costruito.
    Accessibilità plurale come tema: Monumenti e edilizia storica
    Monumenti e edilizia storica
    La compatibilità fra nuova funzione e spazio costruito storicizzato
    Architettura come mass medium. I ’fonemi architettonici’ come strumenti di comunicazione.
    Le soluzioni storiche dell’edilizia tradizionale
    I nodi dialettici del rapporto antico nuovo
    Il design come linguaggio
    Il solaio in legno: l’albero come ‘radice’ della comunicazione
    Le pavimentazioni tradizionali: le riggiole napoletane
    Le finiture maiolicate e il paesaggio
    Le decorazioni dell’architettura come medium comunicativo
    Trasformazioni e adeguamento dello spazio costruito
    La casa romana
    La casa medievale e i suoi rapporti con la residenza romana
    Tempio Duomo Pozzuoli
    Villa Rufolo Ravello
    La Fenice a Venezia e le tecniche di decorazione con la foglia d’oro.
    Accessibilità plurale: Copia a vero della Madonnina del Duomo di Milano
    Attività di REPORT:Progettazione e prototipazione di una riggiola (in 4 esemplari, con il metodo della “mascherina” per 4 colori)
    Attività di REPORT. Progettazione e prototipazione di una porta
    Progettazione di un souvenir

    English

    Teaching language

    Italian

    Contents

    The course proposes to interpret the elements of the constructive tradition of the territory as languages of the expressive doing of men.
    From this consideration comes the opportunity to look at architecture as an object that represents the creativity of men and exemplifies the technical knowledge thus becoming a "cultural asset".
    Another aspect of reading the cultural heritage can be assessed in the use of the architectures also guaranteeing accessibility for the disabled.

    Textbook

    STEFANO DELLA TORRE, VALERIA PRACCHI, Le chiese come beni culturali. Suggerimenti per la conservazione, Mondadori Electa, Milano 2003
    MARC AUGE’, rovine e macerie. Il senso del tempo, Bollati Boringhieri, Torino 2004
    YVES MICHAUD, L’arte allo stato gassoso, Edizioni Idea, Roma 2007
    CLAUDIO VARAGNOLI (a cura di), Muri parlanti. Prospettive per l’analisi e la conservazione dell’edilizia storica, Alinea Editrice, Firenze 2009
    GIOVANNI CARBONARA, Architettura d’oggi e restauro. Un confronto antico-nuovo, UTET, Torino 2011
    SAVERIO CARILLO, DANILA JACAZZI, PASQUALE PETILLO (a cura di), Materia Cimitile. Memoria di Segno. Misura di storia, La Scuola di Pitagora, Napoli 2011
    MAURIZIO VITTA Il progetto della bellezza. Il design fra arte e tecnica dal 1851 a oggi, Einaudi, II ed. 2011
    MARIA CAROLINA CAMPONE, Architetture al soglio. Cemento, bronzo e modernità per lo spazio sacro del Novecento, La Scuola di Pitagora, Napoli 2012
    FRANCESCO TOMASELLI (a cura di), Restauro anno zero, Aracne Editrice, Roma 2013
    SAVERIO CARILLO, DANILA JACAZZI, Materia Cimitile. Didattica e Innovazione, La Scuola di Pitagora Editrice, Napoli 2014
    Further indications will be given during the course

    Training objectives

    The work of the course aims to provide research guidelines for the development of pathways to refurbish built spaces. Linked to the culture of conservation and enhancement of heritage and cultural heritage of which our country is a witness, the educational path aims to promote greater knowledge of some design experiences connected to the creation of spaces typical of the territories. It also intends to promote the development and recovery of technical knowledge of which one can perceive the almost total disappearance, grafting it in the wake of modern languages and modern study and research instruments. It also aims to make the student aware of the potential in place regarding the preparation of experiences for the enhancement and promotion of widespread cultural heritage

    Prerequisite

    No particular prerequisite requires for the purposes of the teaching experience that one is conducting, without prejudice to the student's docility to the interaction with the themes proposed by the course, also through the willingness to relate to the design study tools, to the relevant techniques, to the use of photography and all the opportunities that the educational path will create

    Teaching methods

    The course includes a series of lectures accompanied by seminars and exercises, visits and site inspection / exhibitions are also planned

    REPORTS
    Of the educational didactic activities carried out in the classroom the student is required to keep material records in the didactic supports made available even by downloading and printing the exercises provided for in the Didactic Atlas of the course.
    This activity constitutes significant experience for the purposes of the overall assessment as well as substantial documentation for the conferment of the credits provided by the course

    Evaluation methods

    The preparation of reports is provided, according to a methodological indication scheme offered to students as a reminder, to assess the knowledge and skills acquired during the teaching work. Periodic review activities are also carried out on the documents to be delivered during the examination.

    Others

    Assessment tools and active participation in the course work constitute assessment tools.
    Students are required to prepare five reports on the activities carried out during the course: 2 reports (with prototyping) are common for all students, the other three are chosen.
    Similarly, participation in the weekly exercises related to the case studies treated.
    The reports drawn up, which must be delivered during the final exam, also constitute a form of self-assessment by the student, since they document the evolution and maturation achieved during the entire course of the course.
    Final discussion on the themes of the course and the papers delivered in A4 paper format and digital on DVD.

    Course Syllabus

    Introduction to the course: the challenge of conservation in the "liquid contemporaneity"
    The problem of conservation of built space.
    The components of the built space
    The value and the "message" of the built space.
    Plural accessibility as theme: Monuments and historic buildings
    Monuments and historic buildings
    The compatibility between new function and historicized built space
    Architecture as a mass medium. The 'architectural phonemes' as communication tools.
    Historical solutions of traditional building
    The dialectical knots of the new ancient relationship
    Design as a language
    The wooden floor: the tree as a 'root' of communication
    Traditional flooring: the Neapolitan riggiole
    The majolica finishes and the landscape
    The decorations of architecture as a communicative medium
    Transformations and adaptation of the built space
    The Roman house
    The medieval house and its relations with the Roman residence

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype